L’unica guida definitiva per chi ha dolore al ginocchio

dolore al ginocchio

mamma mi sono fatto male!!!

Il dolore al ginocchio è un problema molto comune, con molte cause legate a lesioni acute o a diverse situazioni mediche.

Il dolore al ginocchio può provenire da qualsiasi delle strutture ossee che compongono il ginocchio (femore, tibia, perone), la rotula (rotula), o legamenti, o dalla cartilagine (compreso il menisco) del ginocchio. Può colpire persone di ogni età senza distinzioni di sorta.

Il termine gonalgia è un termine tecnico composto che significa, appunto, “dolore al ginocchio”. La gonalgia quindi è un termine con cui si indica un sintomo, e non una malattia specifica.

Le sette cause principali che danno dolore al ginocchio:

  1. Dolore da trauma (contusione o lesione delle strutture molli o frattura delle parti ossee).
  2. Dolore da sovraccarico o uso eccessivo dell’articolazione.
  3. Dolore da usura delle strutture del ginocchio.
  4. Dolore da infezione (le artriti).
  5. Dolore da malattie reumatiche. 
  6. Dolore da neoformazione.
  7. Dolore per altre malattie sistemiche.

Quali sono i sintomi e i segni del dolore al ginocchio?

La posizione del dolore al ginocchio può variare a seconda di quale struttura è coinvolto. Con l’infezione, l’intero ginocchio potrebbe essere gonfio e doloroso, mentre un menisco lacerato o frattura di un osso dà sintomi solo in una posizione specifica.

Possiamo fare una prima classificazione sommaria della gonalgia in 5 grandi categorie:

  1. Gonalgia diffusa: il disturbo è aspecifico, spesso acuto. Non è possibile individuare una regione di provenienza dell’articolazione.
  2. Gonalgia anteriore: il dolore è localizzato nella regione anteriore del ginocchio.
  3. Gonalgia mediale: si definisce tale il dolore che interessa la regione mediale (interna) del ginocchio, cioè quella parte del ginocchio che “guarda” il ginocchio controlaterale.
  4. Gonalgia laterale: il dolore riguarda la regione esterna al ginocchio.
  5. Gonalgia posteriore: il dolore si localizza dietro al ginocchio, in corrispondenza di quello che viene definito cavo popliteo.

La gravità del dolore può variare e di un mal di minore a un dolore grave e invalidante. Spesso il dolore si manifesta a riposo, altre volte durante particolari movimenti (“dolore al ginocchio quando lo piego”).

Alcuni degli altri risultati che accompagnano il dolore al ginocchio sono:

  • difficoltà a camminare a causa dell’instabilità del ginocchio
  • blocco articolare del ginocchio (impossibilità a piegarlo e/o a estenderlo completamente)
  • rossore e gonfiore.

Quali sono le cause del dolore al ginocchio?

Di seguito è riportato un elenco di alcune delle più frequenti cause di dolore al ginocchio. Questa non è una lista all-inclusive, ma piuttosto evidenzia alcune cause di dolore al ginocchio in ciascuna delle categorie di cui sopra.

Lesioni acute

Fratture:un trauma diretto alla struttura ossea può provocare una lesione ad una delle ossa che compongono il ginocchio. Questo è di solito un infortunio molto evidente e doloroso. La maggior parte delle fratture del ginocchio non sono solo dolorose, ma interferiscono anche con il corretto funzionamento del ginocchio (come la frattura della rotula) o rendono molto doloroso il carico del peso sull’arto (come frattura del piatto tibiale). Tutte le fratture hanno bisogno di cure mediche immediate.

Lesioni legamentose: L’infortunio più comune è la lesione dell’ACL (legamento crociato anteriore). Questo è spesso un infortunio sportivo legato ad un arresto improvviso e al cambiamento in direzione.

Lesioni menisco: I menischi (mediale e laterale) sono fatti di cartilagine e di agire come ammortizzatori tra ossa del ginocchio. Intrecciando il ginocchio può danneggiare il menisco.

Lussazione: la lussazione del ginocchio (cioè la perdita dei normali rapporti articolari) è un’emergenza medica  che richiede l’attenzione immediata. Questa lesione si verifica spesso durante un incidente stradale,  quando il ginocchio colpisce il cruscotto.

Condizioni mediche

Vi sono tantissime forme di artrite, ed ognuna può potenzialmente colpire il ginocchio:

L’artrite reumatoide è una condizione autoimmune che può colpire qualsiasi articolazione del corpo. Nell’artrite reumatoide il sistema immunitario attacca alcune parti del proprio organismo, riconoscendolo come “nemico”. Nel ginocchio l’artrite reumatoide colpisce principalmente la membrana sinoviale, con infiammazioni croniche che finiranno col danneggiare la cartilagine articolare, i menischi e i legamenti. Causa dolore e disabilità.

La gotta è una forma di artrite che è più comunemente colpisce l’alluce, ma può colpire anche il ginocchio. Nella gotta i cristalli di acido urico, metaboliti di scarto dell’organismo, si accumuleranno depositandosi nell’articolazione. Negli attacchi acuti si avranno importanti tumefazioni e dolori acuti.

Lupus eritematoso sistemico (LES). Il lupus è una malattia autoimmune caratterizzata da una infiammazione cronica che colpirà la pelle, i tessuti e le articolazioni.

Spondilite anchilosante. Trattasi di forma di artrite autoimmune che colpisce prevalentemente la colonna vertebrale, provocando delle infiammazioni croniche che alla lunga porteranno a rigidità, dolore degenerazione tessutale fino alla fusione articolare.

Artrite psoriasica. La psoriasi è una malattia autoimmune della pelle. in alcuni casi può anche attaccare le articolazioni tra cui molto spesso il ginocchio con infiammazioni croniche e artriti recidivanti.

Artrite reattiva. Si parla di artrite reattiva nelle forme in cui l’artrite è causata da agenti infettivi. E’ fondamentale in questi casi la diagnosi e una cura mirata per evitare che la situazioni si aggravi velocemente.

Uso/condizioni di utilizzo eccessivo croniche

Tendinite rotulea: è una infiammazione del tendine che collega la rotula con la tibia. La tendinite rotulea è una patologia cronica  che colpisce spesso gli individui che per sport o lavoro ripetono di continuo lo stesso movimento (come ad esempio i corridori e ciclisti).

Artrosi: Un logoramento della cartilagine, causa comune di dolore al ginocchio con l’avanzare dell’età. Leggi la pagina sulla gonartrosi e sulla protesi al ginocchio.

Altre cause

I bambini possono sviluppare infiammazione del punto di inserzione tibiale del tendine rotuleo (malattia di Osgood-Schlatter).

Quali sono i fattori di rischio per il dolore al ginocchio?

Fattori biomeccanici: L’articolazione del ginocchio ha un meccanismo complicato di funzionamento ed è utilizzata frequentemente durante il giorno. Qualsiasi problema che provoca un cambiamento nel movimento di scorrimento articolare  (differente lunghezza delle gambe, alterazione nell’appoggio del piede, alterazione della camminata per problemi alla schiena o all’anca) può causare cambiamenti sottili e causare dolore e lesioni al ginocchio.

 

L’eccesso di peso: Lo stress sul ginocchio aumenta con il peso in eccesso. L’obesità aumenta anche il rischio di osteoartrosi con la cartilagine che si rompe e si degenera più rapidamente.

 

L’abuso durante movimenti ripetitivi come si può avere in alcuni esercizi (jogging, sci) o condizioni di lavoro (lavorare per diverse ore con le ginocchia piegate) può causare lesioni della cartilagine e provocare dolore.

 dolore al ginocchio

 

 

 

 

 

 

 

Quando le persone con dolore al ginocchio dovrebbero chiamare un professionista sanitario?

Ogni dolore che non migliora a riposo o scompare entro pochi giorni dovrebbe essere valutato da un medico. Inoltre, i seguenti sono i sintomi e segni del ginocchio che un medico dovrebbe valutare:

  • Gonfiore
  • Incapacità di piegare
  • Deformità
  • Incapace di camminare o disagio mentre si cammina
  • Dolore significativo

Spesso, il dolore al ginocchio scompare senza mai trovare una causa specifica. A seconda però della causa di fondo del dolore, la patologia può progredire e condurre a lesioni più gravi o complicazioni del quadro. Di solito, queste complicanze non si hanno nell’immediato, bensì sono a lungo termine e hanno come risultato il peggioramento del dolore o una crescente difficoltà a camminare.

Il consiglio finale, e la raccomandazione del blog è quindi la seguente:

  • Ogni qualvolta compare un dolore al ginocchio, persistente e acuto, parlarne sempre con il medico di fiducia!
dolore ginocchio

oddio che dolore!!!!

 

Diciamo che il vostro dolore è diventato invalidante e decidete di rivolgervi al medico.

Come si approccia un buon medico al nostro problema?

Un professionista sanitario inizierà con domande relative alla salute generale della persona e quindi in particolare la natura del dolore al ginocchio (per quanto tempo, quanto sia grave, ci sono situazioni o movimenti che migliorano o peggiorano il dolore  etc.).

Successivamente, verrà eseguito un esame clinico del ginocchio. Ciò comprende la flessione e l’estensione completa, la valutazione della stabilità dei legamenti, e la valutazione di una eventuale tumefazione e/o gonfiore. Spesso è utile confrontare i risultati dell’esame del ginocchio doloroso con l’altro ginocchio.

Spesso una prima visita accurata è sufficiente già a porre una prima diagnosi. In diversi studi di ricerca, è stato appurato che un esaminatore esperto è affidabile come esame radiologico.

A volte il medico potrebbe voler fare ulteriori accertamenti.

Il primo esame che è necessario eseguire in caso di gonalgia (e molto spesso anche il più importante) è la radiografia per valutare i segmenti ossei (magari proiezioni specifiche richieste dallo specialista di fiducia).

Altri esami eseguibili sono:

  • Ecografia (sconsigliato, esame poco utile).
  • Risonanza Magnetica per valutare i tessuti molli del ginocchio, lesioni  legamentose, meniscali o cartilaginee e lesioni muscolari.
  • TAC (valutazione approfondita dei profili ossei).

Gli esami del sangue

Se si sospettano gotta, artrite o altre condizioni mediche, il medico potrà decidere di ordinare degli esami del sangue.

Se il ginocchio è molto gonfio e vi è la chiara presenza di abbondante liquido sinoviale (o sangue) a suo interno, il medico potrà optare per una asportazione del liquido articolare (artrocentesi).

Alcune patologie sono meglio diagnosticate con l’asportazione di una piccola quantità di fluido dal ginocchio. Durante l’artrocentesi, un piccolo ago viene inserito nel vostro ginocchio e viene aspirato del liquido. Questo viene fatto in maniera sterile. Il fluido viene poi (a seconda del giudizio dello specialista) inviato ad un laboratorio per gli esami del caso. Questa procedura è particolarmente utile se si sospetta una infezione o una frattura dell’articolazione, o per distinguere la gotta o altre diverse forme di artrite.

Qual è il trattamento per il dolore al ginocchio?

Se siete impossibilitati a rivolgervi ad uno specialista o ad un ospedale, o si tratta di una problematica apparentemente lieve, gli americani ci vengono in aiuto con lo mnemonico RICE, spesso utile, soprattutto per ferite minori:

Riposo: Teniamo in scarico l’articolazione, e prendiamoci una pausa dalle solite attività che coinvolgono l’articolazione del ginocchio.

Ice: L’applicazione di ghiaccio può aiutare con il dolore e l’infiammazione.

Comprimi: Un bendaggio può aiutare a prevenire il gonfiore e aiutare l’allineamento del ginocchio. Non dovrebbe essere stretto e deve essere rimosso durante la notte.

Elevate: Tenere l’arto sollevato e può aiutare con gonfiore e di riposo del ginocchio.

dolore ginocchioLa terapia

I trattamenti per il dolore al ginocchio sono vari quanto le condizioni che possono causare il dolore.

 

 

Farmaci

Diverse tipologie di farmaci possono essere prescritte per il trattamento di una patologia medica o semplicemente per alleviare il dolore: Fans, analgesici, paracetamolo, steroidi, anestetici, condroprotettori ( i più sicuri, non avendo effetti collaterali).

 

Fisioterapia

A volte rafforzare i muscoli intorno al ginocchio renderà più stabile l’articolazione e contribuirà a garantire una corretta funzionalità dell’articolazione. Questo può aiutare a evitare lesioni o un ulteriore peggioramento di un infortunio.

Gli esercizi seguenti servono a rinforzare i muscoli della coscia, quindi bicipite e quadricipite femorale:

Cominciate col riscaldarvi, magari con un po’ di cyclette fatta con la sella in alto e pedalando a vuoto.
Estendere la gamba da seduti, a corpo libero o con un peso alla caviglia (rinforzo del quadricipite)
Mettetevi a pancia in giù e sollevata la gamba tenendola stesa (stimolazione dei muscoli glutei)
Alzate la gamba fino a 90 gradi cena superare la linea del bacino.

Fate passeggiate in acqua con l’acuì che arriva sotto al ginocchio.

E’ bene comunque prima di approntare un programma di rinforzo muscolare per dolore al ginocchio, consultare un fisioterapista, onde evitare di fare esercizi non adatti al vostro problema o addirittura controproducenti.

Infiltrazioni

Iniettando farmaci direttamente nel ginocchio potremmo avere un certo beneficio, a volte dei sensibili miglioramenti della sintomatologia. Le due infiltrazioni più comunemente eseguite sono le infiltrazioni con corticosteroidi e quelle con acido ialuronico (detti “lubrificanti”).

Le iniezioni di corticosteroidi possono aiutare l’artrosi e altre infiammazioni del ginocchio. Di solito hanno un effetto immediato ma non duraturo nel tempo e bisogna ripeterle ogni pochi mesi.

L’acido ialuronico è una sostanza simile al liquido già presente nel ginocchio, e può aiutare sia con il movimento che con il dolore.

Chirurgia

Le operazioni al ginocchio vanno dalla chirurgia artroscopica del ginocchio all’intervento di sostituzione protesica del ginocchio. La chirurgia artroscopica del ginocchio è una procedura chirurgica molto comune che permette al medico  di guardare dentro il ginocchio con un paio di piccoli fori e una telecamera a fibre ottiche. Il chirurgo può riparare molte delle lesioni e rimuovere piccoli pezzi di ossa  o cartilagine. Si tratta di una procedura ambulatoriale comune.

Sostituzione parziale del ginocchio: Il chirurgo sostituisce le parti danneggiate del ginocchio con parti in plastica e metallo. Poiché solo una parte del ginocchio è sostituito, questa procedura ha un recupero più breve rispetto ad una sostituzione totale del ginocchio.

Sostituzione totale del ginocchio: In questa procedura, il ginocchio viene sostituito con una articolazione artificiale. Si tratta di un intervento chirurgico maggiore che richiede un intervento chirurgico e il ricovero in ospedale.

Altre terapie

L’agopuntura ha mostrato qualche sollievo del dolore al ginocchio, specialmente nei pazienti con osteoartrosi.

Qual è la prognosi del dolore al ginocchio?

Spesso, il dolore al ginocchio si verifica per un breve periodo di tempo e poi risolvere. A volte può tornare un paio di settimane o mesi più tardi. Se il dolore al ginocchio diventa cronico, è importante farlo valutato al fine di evitare danni importanti alla cartilagine, ossa o legamenti. La prognosi dipende dalle cause del dolore.

Con le moderne tecniche chirurgiche, è possibile alleviare molte delle sindromi dolorose del ginocchio e tornare a uno stile di vita attivo.

Prevenzione nel dolore al ginocchio

Molte problematiche al ginocchio possono essere prevenute attraverso dei semplici esercizi e dei semplici accorgimenti.

Ricordatevi di fare riscaldamento prima di qualsiasi sforzo fisico: molto importante lo stretching muscolare, che serve a rilassare i muscoli e i tendini alleviando la pressione sul ginocchio durante lo sforzo fisico.
Rinforzate i muscoli della gamba con esercizi specifici.  Ricordatevi di non fare variazioni improvvise nella velocità e nell’intensità dell’esercizio.

E’ molto importante avere delle buone calzature, adatte all’attività fisica che vi accingete a svolgere.

mantenete un peso forma ed evitate di ingrassare: in questo modo limiterete di molto la possibilità di problematiche future ad un ginocchio.

Piaciuto questo articolo?

Potrebbe anche interessarti:

Lesione al menisco: ho dolore al ginocchio?

Protesi al ginocchio

Glucosamina e condroitina: la guida definitiva ai condroprotettori!

L’artroscopia di ginocchio: cosa c’è da sapere

La condropatia femoro-rotulea

Author: Bloggerbone

...Come spesso accade, dal caso nasce l'idea....

Share This Post On

7 Comments

  1. Circa 8 anni fa sono stata operata al ginocchio DX per la rottura del menisco anteriore, ora ho un problema non riesco più a piegarmi sullo stesso ginocchio perché sento un forte dolore, spero di non essermi rotta nuovamente il menisco, cos altro può essere? Grazie

    Post a Reply
  2. Ho un dolore dietro il ginocchio dx lato dx esterno solo quando piego la gamba e un dolore alla caviglia dx molto acuto e discontinuo di non riesco a capire perché.

    Post a Reply
  3. Buongiorno,
    ho 61 anni e a seguito un incidente dieci anni fa con la motocicletta e ovvia caduta, battei nella strada la parte interna del ginocchio destro. Subito mi fece un male cane ma non volli andare in ospedale, il dolore dopo qualche settimana passò totalmente. A distanza di 10 anni il dolore nello stesso punto dove battei nell’asfalto iniziò a farsi sentire, non posso piegare il ginocchio, non posso dare peso sulla gamba, addirittura a letto non posso appoggiare il ginocchio sul letto nel posto che mi duole. Io per lavoro abito in Romania, qui non mi sento sicuro di andare da un dottore, vedono lucciole per lanterne, cosa mi consiglia? E’ anche vero che io ho il terrore dei medici e degli ospedali, un consiglio? Grazie, cordiali saluti, Italo S.

    Post a Reply
  4. Dopo uno scatto abbastanza lungo eseguito in una partita di calcetto correndo a gambe abbastanza levate l’articolazione del mio ginocchio si è irrigidita. Sentivo un dolore pungente nella zona mediale della rotula e per un lungo periodo si sono formate piccole protuberanze morbide che a schiacciarle davano dolore (probabilmente edema post traumatico). Ora a distanza di un mese le piccole protuberanze trattate farmacologicamente sembrano non formarsi più ma l’articolazione non esegue movimenti con la stessa libertà e leggerezza di prima. A volte sento tipo pulsazioni intorno alla stessa inoltre a distanza di un mese sembra che non sia tornato tutto come prima.

    Post a Reply
  5. Dolore posteriore al ginocchio,con difficolta’di estensione.Con un massaggio lieve riesco a estenderlo,per poter camminare,se ripiego il ginocchio stessa procedura.
    Cosa puo’ essere?

    Post a Reply
  6. Buonasera. A giugnonjoncomincistonansentirenin dolore dietro al ginocchio (cavo popliteo ) il dolore era più sensibile stando seduto con gamba piegata. Verso settembre è diminuito senza però scomparire del tutto. Da un mese circa il dolore si è spostato al muscolo del polpaccio (inizio) ma non sentì praticamente più niente stando seduto con gamba piegata. Il polpaccio adesso mi fa male se pigio sul tallone e camminando, a volte così forte che devo zoppicare. Può essere un problema ai linfonodi ? Ho letto che questo dolore pio comparire anche in caso di Hiv. È vero ? Grazie

    Post a Reply
  7. ho fatto 15 giorni fà un iniezione di acido ianuronicio al ginocchio al momanto dell’applicazione non ho sentito niente invece adesso sono 15 giorni che ho dolori forti al ginocchio sia la notte che durante il giorno non riesco più a camminare bene volevo sapere se la cosa è normale oppure devo restare con questo problema x sempre perche l’ho fatta per un principio di attrosi che però ancora non mi dava problemi dolorosi come adesso come posso risolvere la cosa? migliorero?

    Post a Reply

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi