Raschiamento uterino

Sei stata dal ginecologo e ti ha parlato di un raschiamento uterino?

Non aver paura. Sicuramente non è una passeggiata, ma è una procedura ginecologica poco invasiva e alcune volte necessaria. Le problematiche ginecologiche dell’apparato riproduttivo femminile possono essere diverse, e alcune volte alcune patologie possono portare alla necessità terapeutica di un raschiamento uterino.

Per capirne di più, ti basterà leggere questa pagina, sicuramente ti tranquillizzerà anche a livello emotivo

Raschiamento uterino: cos’è?

Il raschiamento uterino (tecnicamente ablazione endometriale) è la rimozione o la distruzione dell’endometrio (parte spugnosa dell’utero che si aggetta nel lume dello stesso). L’ablazione endometriale è un’alternativa all’isterectomia per le donne con emorragie uterine che desiderano evitare l’isterectomia. La maggior parte delle donne che hanno avuto un raschiamento uterino con successo avranno poco o nessun sanguinamento mestruale.

Tale procedura è di routine quando si deve praticare un aborto, o bisogna eliminare un feto abortito spontaneamente.

raschiamento

Come viene fatto il raschiamento uterino?

L’ablazione endometriale avviene solitamente utilizzando un isteroscopio o un resettoscopio. Questo strumento verrà infilato nell’utero attraverso la vagina in maniera da asportare il tessuto spugnoso endometriale. Il resettoscopio può anche essere usato per rimuovere i fibromi che si trovano all’interno della cavità dell’utero e dei polipi.

Quali sono i diversi tipi di raschiamento uterino che si possono effettuare?

Il resettoscopio può essere utilizzato in diversi modi. In una ablazione endometrica “a rulli”, un elettrodo a forma di pallone viene utilizzato per fornire energia all’endometrio. Questo distrugge l’endometrio. In un altro metodo chiamato “endo-miometriale” la resezione, un elettroloop viene utilizzato per rimuovere l’endometrio e alcuni dei tessuti sottostanti. Spesso la palla a rulli viene utilizzata per coagulare la parete dell’utero dopo l’eliminazione dell’endometrio. Ci sono una serie di variazioni su queste tecniche che probabilmente hanno poco effetto sul risultato. Ad esempio, un elettrodo a botte può essere utilizzato per “vaporizzare” il tessuto o un tipo di resettoscopio utilizza un dispositivo per rimuovere automaticamente il tessuto che è rasato.

Che cos’è un “ablazione a palloncino”?

Anche se il resettoscopio fornisce ottimi risultati in mani esperte, la tecnica è difficile da padroneggiare. Sono stati studiati altri metodi di distruzione dell’endometrio. Due dispositivi a palloncino sono stati ampiamente studiati: il Thermachoice e il Vestablate.

Il dispositivo Thermachoice utilizza un palloncino posto nella cavità uterina attraverso la cervice. L’acqua calda viene circolata all’interno del palloncino. Il pallone Vestablate ha elettrodi metallici sulla superficie, con termistori in ciascun elettrodo per monitorare la temperatura. Quando il dispositivo è attivato, la corrente di frequenza radio viene applicata agli elettrodi e un computer controlla la temperatura utilizzata per distruggere l’endometrio.

Entrambi i dispositivi hanno mostrato risultati eccellenti in studi ben controllati.

raschiamento uterino

Avrò ancora il ciclo mestruale dopo il raschiamento?

Il raschiamento è una tecnica sviluppata in origine per il trattamento di emorragie mestruali anormalmente pesanti  e/o abbondanti (dette menorragie). La maggior parte delle donne non avrà subito un ciclo regolare dopo la procedura, oppure sarà molto breve e leggero. Alcune donne possono desiderare la garanzia di non avere più perdite ematiche; solo una isterectomia può dare questa garanzia. D’altra parte, la maggior parte delle donne con cicli mestruali che interferiscono con le loro normali attività, saranno molto felici di avere periodi mestruali leggeri dopo una breve procedura ambulatoriale. L’amenorrea (la mancanza di sanguinamento) si verifica in più del 50% delle donne, ed è la “glassa sulla torta”. La maggior parte delle donne in postmenopausa, tuttavia, non avrà ulteriori emorragie dopo il trattamento.

Posso ancora sanguinare in maniera anomala dopo una procedura di raschiamento uterino?

La causa più comune di sanguinamento continuo è la ricrescita nell’endometrio di un adenomioma (una condizione in cui si crea un polipo comprendente anche gli strati muscolari dell’utero, nella cavità uterina). L’adenomiosi profonda è una delle cause più comuni di fallimento della procedura. Se si sospetta un’adenomioma profondo, un raschiamento uterino potrebbe non essere la migliore procedura.

Se ho i fibromi (miomi), posso ancora avere un raschiamento?

I fibromi che si trovano all’interno dell’utero (miomi intracavitari o submucosi) possono spesso essere rimossi al momento del raschiamento. Se i fibromi sono nella parete dell’utero, non possono essere raggiunti con il resettoscopio, anche se può essere possibile trattare questi con altri metodi. Se i miomi sono rimasti nel muro, allora c’è la possibilità che possano eventualmente crescere e necessitano di interventi chirurgici anche se il sanguinamento non è più un problema. E’ importante capire la presenza di fibromi e miomi uterini e seguirli nel tempo facendo un corretto follow-up: infatti fino alla menopausa c’è sempre la possibilità che crescano e si ingrandiscano. Così una donna di 48 anni con grandi fibromi che sono cresciuti lentamente potrà essere una buona candidata per il trattamento di sanguinamento pesante con l’ablazione endometriale. D’altra parte, una donna di 32 anni con fibromi di dimensione moderata nella parete dell’utero che si è allargata significativamente nell’ultimo anno ha buone probabilità di doversi sottoporre prima o poi ad un interventi chirurgico di rimozione

Chi altro non dovrebbe avere un raschiamento uterino?

Poiché un raschiamento distrugge la parte endometriale dell’utero, la procedura non è per chiunque desideri mantenere la sua fertilità. Le donne che hanno malignità o malattie pre-maligne dell’utero non sono candidati all’ablazione (resezione o asportazione chirurgica). Le donne che hanno dolore pelvico grave, a meno che il dolore non provenga da un mioma intracavitario, devono consultare il loro medico ginecologo di fiducia.

Raschiamento uterino: anestesia

Nella maggior parte dei casi l’anestesia consiste in una sedazione profonda. Questo significa che l’anestesista vi inietterà dei farmaci che vi faranno dormire profondamente, insieme a dei potenti antidolorifici. Avrete una maschera che eroga ossigeno, ma non sarete intubati.

Chi dovrebbe considerare il raschiamento uterino?

La maggior parte delle donne che hanno menorragie (anormalmente pesanti periodi mestruali) che non sono controllate con i farmaci e non hanno altri problemi che richiedono un’isterectomia dovrebbero considerare di effettuare un raschiamento. Il rischio è basso nelle mani di un medico esperto nella procedura. La procedura viene eseguita su base ambulatoriale e la maggior parte delle donne è in grado di tornare alle proprie attività regolari nel giro di pochi giorni. Una piccola percentuale di donne correttamente selezionate con ablazione avrà bisogno di un’isterectomia, ma la maggioranza non lo farà.

Chi può aiutarmi a decidere se un raschiamento uterino è la procedura a me più adatta?

È utile vedere un ginecologo con cui si ha familiarità e che è in grado di fornire tutte le alternative per il trattamento del tuo problema. Il medico deve essere esperto nell’ecografia trans vaginali e nell’isterscopia diagnostica. Il medico dovrebbe prendere in considerazione il trattamento non chirurgico, oltre a discutere i vantaggi e gli svantaggi di tutte le opzioni disponibili.

Se il raschiamento si è fatto per un aborto, è buona regola controllare a distanza di circa 20 gg le Beta-hcg (ormone tipico della gravidanza), per assicurarsi che sia tornato a valori normali.

possono interessarti:

dolore addominale

Ascesso anale

Author: Bloggerbone

…Come spesso accade, dal caso nasce l’idea….

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi