Dolore addominale

Hai un dolore addominale  e non sai come comportarti?

Niente paura, questa pagina serve proprio a saperne di più su quelle che possono essere le cause di un dolore all’addome, gli eventuali rimedi, e soprattutto capire e conoscere il problema. Il dolore addominale è un problema molto diffuso, chi non ne ha sofferto almeno una volta nella vita?

Definizione di dolore addominale

Il dolore addominale (volgarmente detto dolore di pancia) è un dolore o disagio che si sente nella parte del tronco sotto le costole e sopra il bacino.
Viene dagli organi all’interno dell’addome o dagli organi adiacenti alla pancia.
È di solito causato da una infiammazione, distensione di un organo (apparato digerente di solito) o perdita dell’approvvigionamento di sangue ad un organo.
Nella sindrome dell’intestino irritabile  può essere causata dalla contrazione dei muscoli intestinali o da iper-sensibilità alle normali attività intestinali.
I sintomi associati possono includere:
gonfiore
eruttazione
Gas (flatulenza)
Indigestione
Disagio nella parte superiore sinistra o destra; in mezzo; o addome inferiore destro o destro
Stipsi
Diarrea
Malattia da reflusso gastro-esofageo
Bruciore di stomaco (Pirosi)
Patologie pelviche

La causa del dolore addominale è diagnosticata in base alle sue caratteristiche dell’esame fisico e dai test di laboratorio.
La diagnosi medica della causa è impegnativa perché le caratteristiche possono essere atipiche, le analisi non sono sempre anormali, le malattie che causano il dolore possono spesso avere sintomatologia simile e le caratteristiche possono cambiare nel tempo.
Il trattamento medico dipende dalla storia della malattia o da altre condizioni di salute che possono essere la causa.

Che cosa è il dolore addominale?

Il dolore addominale si sente nell’addome. L’addome è un’area anatomica che è limitata dal margine inferiore delle costole e dal diaframma sopra nella sua parte superiore, l’osso pelvico (ramo pubico) nella sua parte inferiore, e dai fianchi da ogni lato. Anche se il dolore può derivare dai tessuti della parete addominale che circondano la cavità addominale (come la pelle e i muscoli), il termine dolore addominale è generalmente usato per descrivere il disagio proveniente da organi all’interno della cavità addominale. Gli organi dell’addome includono lo stomaco, l’intestino tenue, il colon, il fegato, la cistifellea, la milza e il pancreas.

Tecnicamente, la parte più bassa della zona descritta in precedenza è il bacino che contiene la vescica urinaria e il retto, così come la ghiandola prostatica negli uomini e l’utero, le tube di falloppio e le ovaie nelle donne. Spesso, può essere difficile capire se il dolore addominale proviene dall’addome inferiore o dal bacino (dolore pelvico).

Occasionalmente, il dolore può essere sentito nel ventre, anche se si presenta da organi che sono vicini, ma non all’interno della cavità addominale, ad esempio dalla parte inferiore dei polmoni, dei reni, dell’utero o delle ovaie. D’altra parte, è anche possibile che il dolore degli organi all’interno della pancia si senta al di fuori di esso. Ad esempio, il dolore di infiammazione del pancreas può essere sentito nella schiena. Questi ultimi tipi di dolore sono descritti come “riferiti” perché non provengono dalla posizione in cui si sentono, ma la causa si trova lontano da dove si sente (cioè si riferisce ad un’area diversa).

Dolore addominale: cause

Il dolore addominale è causato dall’infiammazione di un organo (ad esempio appendicite, diverticolite, colite), allungamento o distensione di un organo (per esempio, ostruzione dell’intestino, blocco di un canale biliare da calcoli biliari, gonfiore del fegato con epatite ), o perdita dell’approvvigionamento di sangue ad un organo (ad esempio, colite ischemica).

Per complicare le cose, tuttavia, il dolore addominale può anche verificarsi senza infiammazione, distensione o diminuzione dell’afflusso di sangue. Un esempio importante di quest’ultimo è la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Non è chiaro che cosa provoca il dolore ventre nella sindrome dell’intestino irritabile, ma si ritiene sia dovuto a contrazioni anomale dei muscoli intestinali (per esempio spasmo) o nervi ipersensibili all’interno dell’intestino che provocano inappropriate sensazioni dolorose (ipersensibilità viscerale). Questo è spesso chiamato dolore funzionale perché non è stata trovata alcuna anomalia organica specifica riconoscibile per tenere conto della causa – almeno non ancora.

Cause addominali del dolore
Il dolore addominale è un sintomo comune e la maggior parte delle persone ha sperimentato una sorta di dolore addominale (pancia o dolore allo stomaco).

In caso di persistenza della sintomatologia bisogna recarsi dal medico curante. Il medico vi porrà una serie di domande sul dolore della pancia per aiutare a trovare le possibili cause, ad esempio:

Come è iniziato il dolore?
Se arriva all’improvviso, questo può suggerire un problema con un organo all’interno dell’addome; per esempio, l’interruzione dell’approvvigionamento di sangue al colon (ischemia intestinale) o l’ostruzione del canale biliare dovuta ad un calcolo (parleremo di colica biliare).

Dove si trova il dolore?
L’appendicite in genere provoca disagio nel mezzo dell’addome e poi si muove all’addome inferiore destro, la posizione di solito dell’appendice.
La diverticolite tipicamente provoca disagio nell’addome inferiore sinistro dove si trovano i diverticoli più colonici.
Il disagio della cistifellea (colica biliare o colecistite) si riscontra tipicamente nell’addome centrale, nell’addome superiore o nell’addome superiore destro vicino a dove si trova la colecisti.

Qual è il tipo e la caratteristica del dolore?
È grave, crampiforme, stabile; o a poussè (a ondate)? L’ostruzione dell’intestino provoca inizialmente ondate di dolore e crampi dovuti alle contrazioni della muscolatura liscia intestinale e alla distensione dell’intestino. Il vero dolore simile al crampo suggerisce di solito vigorose contrazioni dell’intestino.
L’ostruzione dei dotti biliari da calcoli biliari causa tipicamente un dolore alla pancia superiore costante che dura da 30 minuti a diverse ore.
La pancreatite acuta provoca tipicamente dolori severi, inalterati e stabili nell’addome superiore e nella parte superiore della schiena.

Il dolore dell’appendicite acuta inizialmente potrebbe iniziare vicino all’ombelico, ma quando l’infiammazione progredisce, si muove all’addome destro.
Le caratteristiche del dolore possono cambiare nel tempo. Ad esempio, il dolore da ostruzione dei canali biliari a volte sopravanza il dolore da infiammazione della cistifellea con o senza infezione (colecistite acuta). Quando ciò accade, le caratteristiche del dolore cambiano.

Quanto dura il dolore addominale?
In alcune patologie, e caratteristicamente nella sindrome del colon irritabile il disagio può avanzare ad ondate, andando avanti per mesi o addirittura anni.
La colica intestinale di solito dura non più di alcune ore.
Il dolore della pancreatite acuta invece dura uno o più giorni.
Il dolore delle malattie legate all’acido – la malattia da reflusso gastroesofageo o da ulcera gastrica o duodenale – si verifica tipicamente durante un periodo di settimane o mesi in cui è molto violento e debilitante,  seguito da periodi di settimane o mesi durante i quali si hanno dei sensibili miglioramenti e può anche sparire.
Il dolore funzionale può mostrare questo stesso modello di andamento.

Che cosa peggiora il dolore addominale?
Il dolore dovuto all’infiammazione (appendicite, diverticolite, colecistite e pancreatite) è tipicamente aggravato da starnuti, tosse o qualsiasi moto aggressivo, che possa provocare un aumento della pressione, seppur temporaneo, all’interno della cavità addominale.

Che cosa allevia il dolore?
Il dolore da sindrome del’intestino irritabile e la stitichezza sono spesso alleviati dal rilascio della muscolatura liscia intestinale, esattamente come le contrazioni della muscolatura stessa lo aggravano.
Il dolore dovuto all’ostruzione dello stomaco o dell’intestino tenue può essere temporaneamente sollevato dal vomito che riduce la distensione causata dall’ostruzione.
Mangiare o prendere gli antiacidi può temporaneamente alleviare il dolore da ulcera dello stomaco o del duodeno perché sia ​​il cibo che gli antiacidi neutralizzano l’acido che è responsabile di irritare le ulcere e causare il dolore.
Il dolore che risveglia un paziente dal sonno è più probabile che sia dovuto a cause non funzionali ed è più significativo.

Altri sintomi associati che accompagnano il dolore addominale possono suggerire:
La febbre suggerisce l’infiammazione o l’infezione.
La diarrea o il sanguinamento rettale suggeriscono una causa intestinale.
La febbre e la diarrea suggeriscono l’infiammazione dell’intestino, che può essere di natura infettiva o non infettiva.

Come viene diagnosticata la causa del dolore addominale?
I medici determinano la causa del dolore facendo affidamento su:
Le sue caratteristiche, i segni fisici e altri sintomi di accompagnamento
Risultati sull’esame fisico
Test di laboratorio medico, radiologico ed endoscopico
Chirurgia esplorativa

Dolore addominale: diagnosi

Per capire il dolore addominale e curarlo il medico ha vari strumenti:

Anamnesi, cioè la raccolta della storia clinica del soggetto
Risultati sull’esame fisico (esame obiettivo)
Esami di laboratorio, esami radiologici ed endoscopici
Chirurgia

Quali esami e test aiutano a diagnosticare la causa del dolore addominale?
Esame fisico
L’esame del paziente fornirà al medico ulteriori indizi per la causa del dolore.

Il medico determinerà:

La presenza di suoni provenienti dagli intestini che si verificano quando c’è ostruzione dell’intestino,
La presenza di segni di infiammazione (con manovre particolari durante l’esame),
La posizione di qualsiasi tumefazione e/gonfiore
La presenza di una massa all’interno dell’addome che suggerisce un tumore, un organo aumentato di volume o un ascesso (una raccolta di pus infetto)
La presenza di sangue nell’addome (con conseguente anemia)che può indicare un problema intestinale come un’ulcera, un cancro del colon, colite o ischemia.
Per esempio:

Trovare dolore e segni di infiammazione nell’addome inferiore sinistro spesso significa che la diverticolite è presente, mentre la ricerca di una massa infiammata nella stessa zona può significare che l’infiammazione è in uno stadio avanzato e che si è formato un ascesso.

Gli stessi sintomi ma nel quadrante inferiore destro significano spesso che siamo davanti ad una appendice infiammata (appendicite), mentre trovando una massa nella stessa zona può significare che l’infiammazione è progredita e che si è formata un ascesso. L’infiammazione nell’addome inferiore destro, con o senza massa, può anche essere riscontrata nella malattia di Crohn.

Una malattia senza segni di infiammazione può porre il sospetto per una neoformazione. Mentre la storia clinica del soggetto e l’esame fisico sono di vitale importanza nella determinazione della malattia di Crohn, la malattia di Crohn colpisce di solito l’ultima parte dell’intestino tenue.

I test di laboratorio sono spesso ordinati per capire meglio le cause del dolore addominale:

-esame del sangue (emocromo)

-gli enzimi del fegato-

gli enzimi pancreatici (amilasi e lipasi)

-il test di gravidanza (se si tratta di donna giovane e fertile)

-l’analisi urinaria.

Il conteggio dei globuli bianchi suggerisce se siamo di fronte ad una infiammazione o ad  un’infezione (come con l’appendicite, la pancreatite, la diverticolite o la colite).

Un basso numero di globuli rossi può indicare un sanguinamento nell’intestino. L’amilasi e la lipasi (enzimi prodotti dal pancreas) sono comunemente elevati nella pancreatite. Gli enzimi possono essere elevati con attacchi di ittero o epatite acuta. La presenza di sangue nelle urine suggerisce i calcoli renali.

Un test di gravidanza positivo può indicare una gravidanza ectopica (una gravidanza nelle tube di  Falloppio anziché nell’utero).

Radiografia dell’addome

Se si decide per l’esecuzione di una radiografia si effettuerà la cosiddetta diretta addome. La diretta addome può mostrare ingrandimenti di intestini pieni di abbondanti quantità di liquido e di aria quando c’è ostruzione intestinale. I pazienti con ulcera perforata possono avere una fuoriuscita d’aria dallo stomaco nella cavità addominale. L’aria uscita dall’intestino spesso può essere vista su una radiografia nella parte inferiore del diaframma. A volte un radiografia può rivelare una calcolo renale calcifico che è passato nell’uretere e ha causato dolore addominale.

Altre volte possiamo valutare la presenza di calcificazioni nel pancreas che suggeriscono la pancreatite cronica.

Ecotomografia e TAC dell’addome

L’ecotomografia dell’addome (detta comunemente ecografia) è utile nella diagnosi di calcoli biliari, appendicite  o cisti ovariche rotte. La tomografia computerizzata dell’addome è utile nella diagnosi di pancreatite, carcinoma pancreatico, appendicite e diverticolite, nonché nella diagnosi di ascessi nell’addome. Le scansioni Tac speciali dei vasi sanguigni addominali possono rilevare malattie delle arterie che bloccano il flusso di sangue negli organi addominali. La risonanza magnetica (RMN) è utile nella diagnosi di molte delle stesse condizioni della tomografia.

L’analisi tomografica di stomaco e intestino (serie superiore gastrointestinale) possono essere utili nella diagnosi di ulcere, infiammazioni e occlusioni intestinali. La tomografia computerizzata dell’intestino tenue può essere utile nella diagnosi delle malattie dell’intestino tenue come la malattia di Crohn. L’enteroscopia con capsula utilizza una piccola fotocamera della dimensione di una pillola inghiottita dal paziente che può scattare una serie completa di foto dell’intestino e trasmettere le immagini su un ricevitore portatile. Le immagini intestinali possono essere scaricate dal ricevitore su un computer per essere sottoposte ad un controllo da parte di un medico. L’enteroscopia con capsula può essere utile nella diagnosi della malattia di Crohn, tumori intestinali, e lesioni emorragiche non viste sui raggi X o sulle scansioni TAC.

 

Procedure endoscopiche nel dolore addominale

L’esofagogastroduodenoscopia è utile per rilevare ulcere, gastriti (infiammazione dello stomaco) oun tumore dello stomaco.
La colonoscopia o sigmoidoscopia flessibile è utile per la diagnosi di colite infettiva, colite ulcerosa o tumore del colon.
L’ultrasuono endoscopico (eco-gastroscopia) è ​​utile per la diagnosi di cancro al pancreas o dei calcoli biliari sele indagini standard come ecografia e tac non riescono a rilevarli.
L’endoscopia a palloncino, la tecnica più recente, consente di passare l’endoscopio attraverso la bocca o l’ano e nel piccolo intestino dove possono essere diagnosticate, biopsie e trattate piccole cause intestinali di dolore o sanguinamento.
Chirurgia: A volte, la diagnosi richiede l’esame della cavità addominale sia per laparoscopia che per chirurgia.

Che cosa sta causando il dolore addominale?

Un esempio di colon stitico è associato alla sindrome dell’intestino irritabile.
Come fa la (sindrome dell’intestino irritabile) a causare dolori addominali?
Come accennato in precedenza, il disagio della sindrome dell’intestino irritabile è dovuto a contrazioni anormali muscolari intestinali o ipersensibilità viscerale. Generalmente, le contrazioni muscolari anormali e l’ipersensibilità viscerale sono molto più difficili da diagnosticare rispetto ad altre malattie o altre condizioni sanitarie, in particolare in quanto non esistono anomalie tipiche sull’esame fisico o sulle normali prove diagnostiche. La diagnosi è basata sulla storia (sintomi tipici) e sull’assenza di altre cause.

Cibi, rimedi naturali e trattamenti per determinate cause di dolore addominale
Se non siete sicuri se avete bisogno di consultare un medico per il dolore della pancia, contattate il vostro medico o un altro medico prima di utilizzare qualsiasi rimedio a domicilio.

I rimedi domestici comuni comprendono:

Mangiare meno cibo
Prendete piccole quantità di bicarbonato di sodio
Usa limone e/o succo di lime
Avviare una dieta semiliquida.
Non fumare né bere alcool.

Alcuni professionisti del settore sanitario consigliano:

Prendendo lo zenzero
Menta piperita
Liquirizia
Tè alla camomilla
Farmaci come il subsalicilato di bismuto, loperamide , ranitidina  e altre sostanze decontratturanti.
Alcuni di questi possono contribuire a ridurre i sintomi, ma se i sintomi persistono, consultare sempre il medico. Attenzione alle “cure” pubblicizzate come un unico trattamento che può curare tutte le cause di questo problema perché non esiste un rimedio o una cura del genere.

L’assunzione di aspirina o FANS dovrebbe essere evitata fino a quando la causa del dolore è diagnosticata perché i farmaci potrebbero causare alcune cause peggiori (ad esempio, ulcere peptiche, sanguinamento intestinale).

Perché è difficile la diagnosi della causa del dolore addominale?
I progressi moderni della tecnologia hanno notevolmente migliorato la precisione, la velocità e la facilità di stabilire la causa del dolore addominale, ma rimangono importanti sfide. Ci sono molte ragioni per cui la diagnosi della causa può essere difficile.

I sintomi possono essere atipici
Ad esempio, il dolore da appendicite a volte si localizza nell’addome superiore destro, e di diverticolite sul lato destro. I pazienti anziani e quelli che assumono corticosteroidi possono avere poco o nessun dolore quando c’è infiammazione, ad esempio con colecistite o diverticolite. Ciò avviene perché i corticosteroidi riducono l’infiammazione.
I test e gli esami di laboratorio non sono sempre anormali.
Gli esami a ultrasuoni possono non evidenziare i calcoli biliari, in particolare quelli di piccole dimensioni.
Le scansioni in Tac potrebbero non mostrare il cancro al pancreas, in particolare quelli di dimensioni ridotte.
La radiografia diretta addome può non evidenziare i segni dell’ostruzione intestinale o della perforazione dello stomaco.
Gli ultrasuoni e la Tac possono non dimostrare appendicite o addirittura ascessi, in particolare se gli ascessi sono piccoli.
L’emocromo e altri test del sangue possono essere normali nonostante le infezioni o infiammazioni gravi, in particolare nei soggetti che assumono corticosteroidi o altri farmaci che sopprimono il sistema immunitario.
Le malattie possono imitare l’un l’altro.
I sintomi del colon irritabile possono imitare l’ostruzione dell’intestino, il cancro, l’ulcera, gli attacchi della cistifellea o anche l’appendicite.
La malattia di Crohn può imitare l’appendicite.
L’infezione del rene destro può imitare la colecistite acuta.
Una cisti ovarica destra rotta può imitare l’appendicite; mentre una cisti ovarica sinistra ristagnata può imitare la diverticolite.
I calcoli renali possono imitare l’appendicite o la diverticolite.
Le caratteristiche del dolore possono cambiare.
Gli esempi discussi in precedenza includono l’estensione dell’infiammazione della pancreatite per coinvolgere l’intero addome e la progressione della colica biliare alla colecistite.

 

Dolore addominale: terapia farmacologica

I farmaci che vengono utilizzati per il trattamento delle cause o delle cause del dolore sono i farmaci da scegliere.

Ad esempio, i farmaci non sono necessari per il trattamento di una gastroenterite virale semplice (influenza dello stomaco o virus dello stomaco), mentre l’intervento chirurgico e/o la chemioterapia possono essere l’approccio migliore per trattare determinati tumori nell’addome. Altre cause possono richiedere farmaci antispastici, antimicrobici, inibitori del recettore H2, o anche nitrati o morfina, o semplicemente tachipirina. La causa diagnosticata solitamente riduce la scelta dei farmaci. Alcune cause possono essere trattate solo per via chirurgica (ad esempio l’ernia incarcerata, aderenze addominali da precedenti interventi chirurgici e alcune lesioni addominali), anche se alcuni farmaci possono essere utilizzati (ad esempio, morfina) mentre la persona è in attesa di essere sottoposta adun intervento chirurgico.

Quali scelte di stile di vita posso fare per prevenire il dolore addominale?
I cambiamenti nello stile di vita spesso possono prevenire o attenuare un dolore addominale.

Alimentarsi in maniera sana, fare esercizio fisico e evitare il fumo e il consumo di alcolici in eccesso, sono tutti atteggiamenti che possono ridurre le probabilità che si verifichino certe cause.
Una buona igiene, in particolare il lavaggio delle mani e l’evasione di materiali e alimenti contaminati da virus e batteri, riducono le probabilità di sviluppare malattie infettive.

Quando devo chiamare il mio medico per il dolore addominale?
Alcuni medici suggeriscono che se si dispone di una causa “meno grave” di dolore addominale probabilmente non sarà necessario vedere un medico se i sintomi si risolvono in circa 24-48 ore. Ad esempio, se hai avvelenamenti alimentari virali o batterici, ma non sei disidratati.

Se si dispone di un problema cronico che occasionalmente provoca disagio addominale, la maggior parte dei medici suggerisce di contattare il medico specialista di fiducia. Tuttavia, se si dispone di uno dei problemi o dei sintomi elencati nella sezione “dolore addominale grave”, si dovrebbe chiamare immediatamentel’ assistenza medica.

Author: Bloggerbone

…Come spesso accade, dal caso nasce l’idea….

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi