Istamina

Hai sentito spesso parlare i medici di istamina e istamina-simili?

Se la risposta è affermativa penso che questa sia la volta buona che tu prenda in seria considerazione l’idea di approfondire l’argomento e cercare di capire cos’è l’istamina. Certo, ci vuole una buona dose di impegno, di dedizione e di concentrazione.

Sel’argomento ti interessa potresti soffermati sulla lettura di questo articolo. Nelle righe successive andrò infatti ad illustrati tutti i concetti fondamentali che bisogna sapere per capire l’argomento e comprendere meglio cos’è l’istamina. No, non ti spaventare! Nella maggior parte dei casi si tratta semplicemente di limitarsi a leggere con tranquillità quello che c’è scritto. Approfondiremo i concetti necessari semplificando il più possibile l’argomento.

Se ti interessa dunque capire che cosa è l’istamina ti suggerisco di prenderti una manciata di minuti di di tempo libero e di gettarti a capofitto in questa nuova lettura. Ti assicuro che alla fine dell’articolo ti sentirai arricchito di nuovi concetti che ti torneranno utili. Allora, pronto? Si? Benissimo, cominciamo!

istamina

L’istamina è un’ammina prodotta come parte di una risposta immunitaria locale che provoca una infiammazione.

Esegue anche diverse importanti funzioni nell’intestino e funge da neurotrasmettitore o messaggero chimico trasportando segnali da un nervo all’altro.

L’istamina viene secreta dai basofili  come parte di una risposta immunitaria locale alla presenza di corpi estranei o insulti arrecati all’organismo o ai tessuti dell’organismo. I basofili  si trovano nei tessuti connettivi vicini. Questo rilascio di istamina induce i capillari a diventare più permeabili ai globuli bianchi e ad altre proteine, che continuano a colpire e attaccare corpi estranei nel tessuto affetto. A parte gli esseri umani, l’istamina si trova in quasi tutti gli animali.

L’istamina è stata prima sintetizzata nel 1907 e le sue proprietà farmacologiche sono state dimostrate nel 1911. Poiché la sostanza è stata estratta dal tessuto, la parola “histo” è stata usata per descrivere questa “amina”. I sottotipi del recettore per l’istamina sono stati caratterizzati nel 1966 e i primi farmaci antistaminici sono stati sviluppati tra il 1943 e il 1944.

L’istamina fornisce un cristallo igroscopico incolore che si fonde a 84 ° C ed è facilmente disciolto in acqua o etanolo. È insolubile in etere.

Per formare istamina, l’istidina dell’aminoacido subisce decarbossilazione. Questa reazione chimica è catalizzata dall’enzima L-istidina decarbossilasi. L’istamina è un amido vasoattivo idrofilo e una volta formata, viene rapidamente inattivata o immagazzinata. Quando è rilasciata dalle sinapsi, viene suddivisa in acetaldeide deidrogenasi. Quando questo enzima è carente, esiste un aumento del rischio di reazioni allergiche, in quanto si assorbe l’istamina nelle sinapsi. L’istamina è suddivisa per gli enzimi diammina ossidasi e istamina-N-metiltransferasi.

 

L’istamina è un autacoide, il che significa che agisce in modo analogo ad un ormone locale, vicino al suo sito di sintesi. Viene prodotta come parte della risposta immunitaria locale ai corpi d’invasione e provoca infiammazioni, svolgendo inoltre diverse importanti funzioni nell’intestino.

Siti di rilascio di istamina

Gran parte dell’istidina nel corpo è prodotta dai granuli nelle cellule di masto e nei basofili come parte di una risposta immunitaria locale alla presenza di corpi invadenti. I basofili e i mastociti si trovano nei tessuti connettivi vicini e sono particolarmente abbondanti nei siti dove possono verificarsi lesioni quali il naso, la bocca, i piedi, le superfici degli organi interni e dei vasi sanguigni. L’istamina è anche sintetizzata nel cervello in cui agisce come un neurotrasmettitore o un messaggero chimico che trasporta segnali tra i nervi.
Un altro sito importante in cui l’istamina viene sintetizzata e rilasciata è nelle cellule di tipo enterocromaffini (ECL) dello stomaco.

Effetti dell’istamina

L’istamina viene rilasciata sulle superfici della mucosa come conseguenza dell’esposizione a particelle estranee. Questa rilascio di istamina induce i capillari a diventare più permeabili ai leucociti, che si spostano nei capillari e procedono a bersagliare e attaccare i corpi estranei presenti nel tessuto. L’aumento della permeabilità dei capillari provoca lo spostamento del liquido dai capillari, che generano i classici sintomi di allergia, come un naso che perdo e occhi acquosi. Poiché gli antigeni stranieri si legano alle cellule sensibili all’ IgE nelle membrane mucose, si verificano diverse risposte. La stimolazione neurale sensoriale associata alla rilascio di istamina porta a starnuti; Il tessuto ghiandolare secerne i liquidi e la congestione nasale si verifica a causa dell’eccitazione vascolare causata da una maggiore vasodilatazione e permeabilità capillare.

L’istamina delle cellule non mastocitarie viene rilasciata nel cervello in cui agisce come neurotrasmettitore. I neuroni dell’istamina si trovano nei nuclei tuberomammillari dell’ipotalamo posteriore. Da lì, si estendono per tutto il cervello nella corteccia e nel fascio mediale. Questi neuroni aumentano la veglia e impediscono anche il sonno.
Nello stomaco, l’istamina stimola le cellule parietali per produrre gli acidi gastrici necessari per la digestione.

 

L’istamina è una sostanza biologicamente attiva che svolge un ruolo chiave nella reazione infiammatoria del corpo a lesioni causate da infezioni, danni fisici o allergie. L’istamina è ampiamente distribuita in tutto il regno animale ed è presente anche nel veleno degli insetti, molte piante e batteri.

L’istamina è classificata come un’ammina, una molecola basata sulla struttura dell’ammoniaca e formata attraverso la rimozione di un gruppo carbossile (decarbossilazione) da un aminoacido chiamato istidina. Questa reazione è catalizzata da un enzima chiamato L-istidina decarbossilasi. L’istamina è un amido vasoattivo idrofile e una volta formata, viene rapidamente inattivata o immagazzinata.

Accumulo e rilascio
L’istamina si trova in quasi tutti i tessuti corporei, prevalentemente immagazzinati all’interno dei granuli dei mastociti, dove è legata a composti come l’eparina. Queste nei tessuti che sono soggetti a lesioni quali le estremità e i vasi sanguigni. Le cellule del sangue chiamate basofili contengono anche granuli che presentano l’istamina all’interno di essi. La concentrazione plasmatica di istamina è inferiore a 1 mg/L, anche se può essere superiore nei pazienti con asma. Nel sangue la concentrazione di istamina è da 10 a 100 mg / L.

L’istamina viene rilasciata dalle cellule in risposta ad un anticorpo chiamato immunoglobulina E (IgE). Questo anticorpo può essere secreto in risposta ad un agente patogeno invadente come un virus o batteri, una sostanza allergizzante come il polline o in risposta a lesioni causate dalle tossine. Qualunque cosa, innesca il rilascio di IgE, la risposta è un rilascio di istamina che ha diversi effetti, a seconda del recettore con cui viene a contatto. Alcuni esempi di questi effetti includono:

  • la contrazione del muscolo liscio nei polmoni, nello stomaco o nel ventre;
  • La dilatazione e una maggiore permeabilità dei vasi sanguigni;
  • Riduzione della pressione sanguigna;
  • La frequenza cardiaca accelerata e l’aumentata secrezione di acido gastrico.
  • L’istamina agisce anche come un neurotrasmettitore, trasmettendo messaggi tra i neuroni.
  • L’aumento della permeabilità dei vasi sanguigni consente alle cellule immunitarie e alle sostanze di migrare dal flusso sanguigno, attraverso i vasi e nel sito in cui si è verificata lesione o infezione. Leucociti e proteine ​​del plasma sanguigno possono quindi iniziare il processo di lotta contro l’infezione e la guarigione del tessuto.

alimenti contenenti istamina

Effetti del rilascio di istamina

I recettori più studiati dell’istamina sono H1 e H2, meno conosciuti sugli effetti che l’istamina ha sui recettori H3 e H4.

Effetti sui recettori H1
I capillari si dilatano e diventano più permeabili, che possono causare la perdita del visus e l’emicrania. Nei casi di shock anafilattico, una fluttuazione di istamina può portare il sangue a bloccarsi in vasi dilatati, causando un arresto. L’aumentata permeabilità dei capillari può causare edema, in quanto fluidi e proteine ​​passano dal plasma al tessuto extracellulare. La contrazione muscolare liscia, in particolare dei muscoli digestivi o bronchiali, può portare ad un aumento del CA2 + intracellulare.

Il recettore dell’ H1 svolge un ruolo importante nella risposta allergica ed è ampiamente distribuito in tutto il sistema nervoso periferico, in particolare il muscolo liscio, dove la sua attivazione provoca vasocostrizione. L’attivazione del recettore H1 provoca anche dilatazione dei vasi sanguigni, maggiore permeabilità dei vasi, stimolazione dei nervi sensori nelle vie aeree e broncocostrizione. Inoltre, l’attivazione di questo recettore promuove la chemiotassi degli eosinofili, che possono portare a congestione nasale, starnuti e rinorrea. Una volta attivata nella corteccia cerebrale, il recettore H1 può inibire i canali di potassio nelle membrane cellulari neuronali, depolarizzando i neuroni e aumentando l’eccitazione neuronale.

Effetti sui recettori H2

C’è una maggiore secrezione di acido cloridrico nello stomaco. La stimolazione cardiaca aumenta la forza con cui il cuore si contrae e la velocità a cui batte. La stimolazione dei recettori H2 provoca la vasodilatazione, ma l’insorgenza è più lenta che con la stimolazione di H1. C’è un leggero aumento della broncodilatazione. La stimolazione H2 può anche inibire il rilascio della prolattina. Il recettore H2 si trova sulle cellule parietali all’interno dello stomaco, nel cuore e in misura limitata, nelle cellule immunitarie e nei muscoli lisci vascolari. L’attivazione del recettore H2 stimola la vasodilatazione e il rilascio degli acidi gastrici necessari alla digestione. Le risposte fisiche al recettore H2 includono una diminuzione della chemiotassi e dell’attivazione dei neutrofili e dei basofili, la stimolazione delle cellule T soppressore, la proliferazione dei linfociti e l’attività delle cellule killer naturali. L’attivazione combinata di recettori H1 e H2 contribuisce a rinorrea e gonfiore delle vie aeree nasali.

Effetti sui recettori H3 e H4

Gli effetti del rilascio di istamina sui recettori H3 sono una riduzione del rilascio di istamina nella periferia e nel sistema nervoso centrale. Tuttavia, il ruolo di questi recettori non è ancora chiaro. I ricercatori sospettano che gli inibitori di H3 possono essere utili in determinate condizioni neuropsichiatriche, ma nessun farmaco è ancora stato sviluppato. I recettori H4 sembrano essere coinvolti in reazioni immunitarie, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Il recettore dell’Histamine H3 è un autoreceptore presinaptico trovato sulle cellule nervose che contengono istamina. E ‘ampiamente distribuito in tutto il sistema nervoso centrale, con la massima espressione trovata nella corteccia, nucleo caudato, talamo, ipotalamo, tubercolo olfattivo e ippocampo. La diversa distribuzione del recettore H3 in tutta la corteccia suggerisce che questo recettore è in grado di modulare molti neurotrasmettitori come dopamina, GABA, acetilcolina e noradrenalina nei sistemi nervosi centrali e periferici.
Il recettore dell’Histamine H4 si trova principalmente sulle cellule e sui tessuti immunitari, compresi i leucociti del sangue periferico, la milza, il midollo osseo e il timo. È anche presente nel colon, nel polmone, nel fegato e nell’epicanto. La stimolazione di questo recettore medita anche la chemotaxis degli eosinofili e aggiusta l’adesione delle molecole.

Catabolismo
L’istamina rilasciata viene inattivata tramite deaminazione ossidativa o N-metilazione. Queste reazioni sono catalizzate da diamina ossidasi e N-metil transferasi rispettivamente.

Antistaminici

Gli antistaminici sono farmaci usati per bloccare l’attività dell’istamina, impedendone la capacità di legarsi ai suoi recettori. Questi agenti sono pertanto indicati come antagonisti di istamina. Gli antistaminici tradizionali che vengono usati per trattare i recettori di allergia H1, mentre gli antagonisti H2 inibiscono la secrezione di acido gastrico per aiutare a trattare le ulcere peptiche. Il recettore H4 è un potenziale bersaglio per il trattamento di condizioni allergiche e infiammatorie come l’asma e la rinite allergica. La capacità del recettore H3 di modulare i vari neurotrasmettitori rende questo recettore un nuovo obiettivo terapeutico nel sollievo dei sintomi causati da diverse condizioni, tra cui disordini di movimento, obesità, schizofrenia, disordini sonno / sconvenienti anomali e ADHD.

Author: Bloggerbone

...Come spesso accade, dal caso nasce l'idea....

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi