Dopamina

Se hai sentito spesso parlare dai medici e dai sanitari di dopamina, ti sarà venuta voglia di saperne di più.

Tranquillo, se sei qui, sei sulla pagina giusta per chiarirti le idee e saperne di più su cos’è la dopamina e a cosa serve. Nei prossimi paragrafi ti aiuterò a capirlo in maniera semplice, basta leggere tranquillamente. Sei pronto? cominciamo!

In un cervello che la gente ama descrivere come “intrisa di sostanze chimiche”, una sostanza chimica sembra sempre distinguersi: Dopamina: la molecola dietro tutti i nostri comportamenti peccaminosi e desideri segreti. La dopamina è l’amore. La dopamina è lussuria. La dopamina è adulterio. La dopamina è la motivazione. La dopamina è l’attenzione. La dopamina è il femminismo. La dopamina è dipendenza.

La dopamina è il neurotrasmettitore che tutti sembrano conoscere. Vaughn Bell la chiamò una volta la  “Kim Kardashian” delle molecole, ma non credo che sia giusto per la dopamina. Basti dire che la dopamina è grande. E ogni settimana, vedrai un nuovo articolo che parla in qualche maniera della dopamina.

Così è la dopamina che crea la tua dipendenza da dolci? La tua dipendenza da gioco? Dall’alcolismo? Dal sesso? La realtà è che essa ha qualcosa a che fare con tutti questi. Ma non è nessuno di loro. La dopamina è una sostanza chimica nel tuo corpo. È tutto. Ma questo non rende la cosa semplice.

dopamina

Che cos’è la dopamina?

La dopamina è uno dei segnali chimici che passano informazioni da un neurone all’altro nei piccoli spazi tra di loro. Quando viene rilasciato dal primo neurone, esso galleggia nello spazio (la sinapsi) tra i due neuroni e si incastra sui recettori dell’altro neurone che poi invia un segnale giù al neurone ricevente. Sembra molto semplice, ma quando lo immaginate non limitato solo ad un paio di neuroni, ma alla grande rete nel tuo cervello, diventa rapidamente complessa. Gli effetti della liberazione della dopamina dipendono da dove viene, dove i neuroni riceventi stanno andando e quali tipi di neuroni sono, quali recettori legano la dopamina (ci sono cinque tipi conosciuti) e quale ruolo sia i neuroni che rilasciano dopamina, che  quelli che la ricevono ricevono, stanno avendo.

 

La dopamina è coinvolta in molti percorsi neurologici del nostro organismo, molto importanti. Entra nella mediazione e nella provocazione di tutta una serie di emozione/sentimenti: spirito motivazionale, dipendenza (anche patologica), concentrazione dell’individuo, lussuria. E’ infatti coinvolta come neurotrasmettitore nel percorso mesolimbico e nel nucleo accumbens. Aumenti della dopamina in veste di neurotrasmettitore si verificano di solito in risposta al sesso, ai farmaci e alla musica. Le dosi di dopamina si sono viste fortemente alterate  nei soggetti tossicodipendenti.

Tutti gli abusi e le dipendenze (droga, alcool ecc….) provocano un aumento della dopamina, proprio perchè di solito il picco della dopamina si associa a sensazione di gioia o di piacere o soddisfazione.

La dopamina in realtà può aumentare anche per altri motivi: es.nel nucleo accumbens può aumentare in persone con disturbi post traumatici, per paranoia o maggiore vigilanza/irritabilità.

Quindi la dopamina non è strettamente legata al piacere: sembra più legata ad uno stato di attenzione e concentrazione, a momenti ritenuti importanti, che si distinguono, visto che può associarsi anche a sensazioni negative.

funzione della dopamina

 

Ma la dopamina stessa non è solo questo. Ha molti ruoli nel cervello in cui entra in funzione come mediatore. Ad esempio, la dopamina svolge un ruolo importante nell’avvio del movimento, tant’è che la distruzione di neuroni stimolati dalla dopamina in un’area del cervello chiamata substantia nigra è ciò che produce i sintomi della malattia di Parkinson.

La dopamina svolge anche un ruolo importante come ormone: può infatti inibire la prolattina nella donna che ha partorito, con il risultato di arrestare la produzione di latte materno.

Tornando nel percorso mesolimbico, la dopamina può svolgere un ruolo  anche nelle malattie mentali es. schizofrenia e psicosi: molti antipsicotici infatti agiscono inibendo il reuptake della dopamina.

La dopamina è coinvolta nella corteccia frontale nelle funzioni esecutive come l’attenzione. Nel resto del corpo, la dopamina è coinvolta nella nausea, nella funzione renale e nella funzione cardiaca.

Non si può quindi generalizzare il ruolo di questa molecola, parlando semplicemente di attenzione o dipendenza. La dopamina è un mediatore con molteplici funzioni in relazione al luogo e alla modalità di azione che esplica. Non può essere considerata solo un mediatore del piacere, dell’attenzione o della dipendenza. Il suo ruolo non è ancora stato totalmente chiarito.

E’ molto coinvolta infatti anche nei processi di tossico dipendenza o il disturbo da deficit dell’attenzione. Le patologie e le problematiche connesse ad un aumento o ad una diminuzione della dopamina sono difficili da chiarire e ancor più difficili da curare. Una molecola così semplice è coinvolta all’interno dell’organismo in una miriade di processi,non solo a livello neurologico.Tutto questo con solo 5 recettori diversi che possono accoglierla (la serotonina, ad esempio,ne ha 14).

Quindi spesso il risultato di azioni, emozioni, desideri, idee, è il risultato di un complesso meccanismo di neurotrasmettitori in cui entra in gioco anche la dopamina, ma dove non è la sola protagonista.

Quindi la dopamina entra in funzione nei meccanismi sopra detti: ci fa pensare al cibo,ai dolci, all’amore, alla lussuria, inibisce il latte materno, entra in gioco nell’attenzione, nella motivazione, nella gioia e nella paura, nelle fobie e nelle psicosi. Ma non agisce da sola! il risultato finale dell’emozione di quell’istante è la risultante di un numero complesso di segnali mediati da diversi neurotrasmettitori in varia quantità a seconda del momento e di quell’emozione che si sta provando. La sua complessità è ciò che la rende grande. Ci mostra quello che, con una sola molecola, il cervello può fare.

Se ci fosse stata una celebrità tra i prodotti chimici del cervello, sarebbe la dopamina. Sistematicamente rilasciata ogni volta che sperimentiamo qualcosa di piacevole, è per sempre legata a storie di sesso, droghe e feste selvagge nella stampa popolare.

Lo stereotipo della dopamina non è semplicemente riservato alle sezioni più allegre della stampa. Può anche essere usato come modo per rendere scientifiche le tue opinioni. È una formula semplice – se non sei d’accordo con qualcosa, basta dire che rilascia la dopamina e implica che deve essere pericolosamente coinvolgente. La rivista Forbes ha recentemente pubblicato un articolo che afferma che la cultura delle armi americane potrebbe essere dovuta alla dipendenza da armi da fuoco perché la dopamina viene rilasciata, ha affermato, quando viene sparato un colpo. Quando potete vedere come è davvero una strana dopamina, si apre un nuovo mondo.

La dopamina è veramente coinvolta nella dipendenza, ma non è una “chimica del piacere”. Infatti, la dopamina ha molte funzioni nel cervello – essendo coinvolto in tutto, dalla regolazione del movimento, al controllo dell’attenzione. In gran parte, i suoi effetti dipendono da quale dei percorsi del cervello è in funzione. Il percorso tuberoinfundibolare meravigliosamente indicato regola il rilascio dell’ormone ed è importante per stimolare la produzione del latte materno. È per questo che un sfortunato effetto collaterale di farmaci antipsicotici usati per il trattamento della schizofrenia, che altera principalmente il sistema della dopamina, può essere la formazione di latte dalle ghiandole mammarie, anche negli uomini.

Ma quando si sente parlare della dopamina nella stampa, di solito è un riferimento vago al ruolo della dopamina nel percorso mesolimbico, un tratto cerebrale piccolo ma importante che collega un’area profonda del cervello chiamata nucleo accumbens ai lobi frontali. Anche qui, però, la dopamina ha effetti differenti perché, mentre la sostanza chimica è la stessa, esistono varie forme di recettori che rilevano la presenza di dopamina ma fanno qualcosa di diverso, a seconda del loro tipo. Il recettore più frequente è la famiglia di recettori D2, che sono influenzati dagli stimolanti ma sono anche legati a episodi di psicosi. Non è un caso che troppa velocità o cocaina possa farti diventare paranoico.

La teoria più ampiamente accettata su ciò che la dopamina mesolimbica dovrebbe fare riguarda il suo ruolo come un segnale di retroazione per la previsione di ricompense. Se sei fortunato, un aumento della dopamina segna un successo, ma – e qui è la rottura dell’idea di “divertimento chimico” – segnala anche quando gestisci solo una scomoda scomparsa.

recettori della dopamina

Gli studi sui giocatori di roulette hanno registrato molta attività nel nucleo accumbens quando gli scommettitori perdono denaro, mentre vi è diminuzione dell’attività quando hanno una vittoria piacevole. In questo caso, la dopamina sembra non essere un piacere segnalante ma indica quanto sei vicino alla ricompensa e incoraggia un altro tentativo. Questo funziona bene quando il successo dipende dall’abilità ma ci impone falsamente dei giochi d’azzardo.

I farmaci additivi alterano questo sistema motivazionale, ma, in maniera cruciale, questo non è lo stesso del loro effetto piacevole. Molti tossicodipendenti a lungo termine riferiscono che hanno poca gioia dal loro successo, ma che ancora si sentono costretti a continuare. Allo stesso modo, i bloccanti della dopamina non fermano gli alti indotti da farmaci e solo alcuni tipi di droghe che aumentano la dopamina, quando assunte in un certo modo, producono piacere. Sembra anche che la droga che influenza il segnale neurochimico sia fondamentale.

Il neurotrasmettitore è anche coinvolto nella motivazione per evitare esperienze antiche. I veterani di guerra traumatizzati, ad esempio, mostrano il sovraccarico della dopamina del nucleus accumbens quando si ricordano i suoni della battaglia, qualcosa che trovano profondamente avvilente e sconcertante. Ma anche se la scienza non dà alla “dopamina un concetto di piacere” un secondo sguardo, si può garantire che non si vedrà la fine di esso. Anche se è sbagliato, è troppo utile un supporto per i media da lasciare da parte, come una sigaretta semi-affumicata. Dopo tutto, tutto ciò che può portare Kim e Katy alla festa non può essere un alto vuoto … può?

 

Ruolo della dopamina nel dolore

La dopamina appartiene ad una classe di molecole chiamate le catecolamine, che servono come neurotrasmettitori e ormoni. Nel cervello la dopamina funge da neurotrasmettitore e viene rilasciata dalle cellule nervose per inviare segnali ad altri nervi. Al di fuori del sistema nervoso, agisce come un messaggero chimico locale in diverse parti del corpo.

Un certo numero di importanti malattie neurodegenerative sono associate alla funzione anomala del sistema della dopamina e alcuni dei principali farmaci usati per trattare queste malattie funzionano cambiando gli effetti della dopamina. La malattia di Parkinson è causata da una perdita di cellule secernenti della dopamina in un’area del cervello chiamata substantia nigra.

Il precursore metabolico per la dopamina L-Dopa può essere prodotto e nel 1970 la Food and Drug Administration ha approvato la L-Dopa (nome levodopa) per il trattamento della malattia di Parkinson.

La dopamina è già nota per svolgere ruoli importanti nel pensiero, nella memoria, nel movimento e nella ricompensa. Tuttavia, recentemente, i ricercatori hanno dimostrato che la neurotrasmissione dopaminergica svolge un ruolo centrale nel modulare la percezione e l’analgesia del dolore all’interno di alcune parti del cervello, tra cui gli insuli, il talamo, i gangli basali, la corteccia cingolata anteriore e il grigio periaqueductale. Bassi livelli di dopamina probabilmente contribuiscono ai dolorosi sintomi subiti da persone con malattia di Parkinson e da neurotrasmissione dopaminergica anomale è stata dimostrata anche in condizioni dolorose come la fibromialgia, e la neuropatia diabetica dolorosa

 

Nei casi di dolore acuto subito dopo un infortunio, i segnali di dolore vengono inviati dal sito di lesioni, al midollo spinale, che, a sua volta, li rilascia alle cellule cerebrali che poi li diffondono per tutto il cervello. Nelle condizioni di dolore cronico, tuttavia, i neuroni continuano a inviare segnali di dolore al cervello, anche quando non ci sono stati lesioni. È stimato dall’Istituto di Medicina che più di 100 milioni di individui negli Stati Uniti soffrono di dolore cronico, che si traduce in circa 600 miliardi di dollari spesi annualmente sulla produttività persa e assistenza medica.

 

Potrebbero interessarti:

-Dolore al ginocchio

-Dolore addominale

Dolore gamba destra

Dolore gamba sinistra

Author: Bloggerbone

…Come spesso accade, dal caso nasce l’idea….

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi